Liposuzione e Lipofilling

Network

Seguici anche su:

 

seguici su twitter seguici su Facebook seguici su BlogSpot seguici su Youtube Feed Rss

Focus

 

Agosto 2017

E' online la nuova versione del portale  Chirurgiestetiche.it piena di novità contenuti iniziative e collegamenti con il web 2.0. Seguiteci sempre in tante qui ed anche sulla Pagina  Facebook!

foto foto foto

Liposuzione e Lipofilling

La liposuzione è una tecnica di chirurgia estetica che ha lo scopo di rimodellare i contorni corporei mediante la rimozione del grasso in eccesso che viene aspirato tramite strumenti specifici composti da cannule di piccole dimensioni che inserite nel pannicolo adiposo sottocutaneo dei distretti anatomici da trattare rimodellano le aree che difficilmente possono migliorare attraverso diete od esercizi specifici come le cosce, le natiche e l’addome.

E’ importante sottolineare che la liposuzione o liposcultura non è una tecnica per dimagrire (a tale scopo è indispensabile una corretta dieta e corretto stile di vita) ma permette di rimodellare i contorni corporei soprattutto nelle aree che non potranno migliorare attraverso programmi specifici e solo in aggiunta si avrà una riduzione del peso corporeo in base alla quantità di grasso aspirato.

Tale tecnica chirurgica ha più di quaranta anni di vita ed ha subito nel tempo notevoli innovazioni. Attualmente nel panorama medico scientifico sono disponibili diverse tecniche di liposuzione che possono utilizzare varie metodologie associate all’aspirazione come gli ultrasuoni o il laser. La tecnica assolutamente più utilizzata ed all’avanguardia è denominata tumescente. La specifica procedura prevede l’infiltrazione della zona interessata al trattamento di una soluzione di Klein composta da soluzione fisiologica, anestetico ed un farmaco vasocostrittore.

Prima dell’intervento chirurgico bisogna effettuare un esame clinico accurato con esami diagnostici specifici per valutare eventuali incompatibilità all’intervento chirurgico.

Come si procede tecnicamente per la Liposuzione? Naturalmente è necessario effettuare un’anestesia che varia in base alle dimensioni delle zone da trattare e del volume di grasso che si intende aspirare, ed anche alla propensione del paziente ad una buona collaborazione. Per piccole aree è possibile programmare un’anestesia locale con eventuale sedazione, mentre per aree più ampie è preferibile optare per un’anestesia spinale, che permette di poter intervenire dall’ombelico in giù senza alcuna sensazione dolorifica, e solo in casi particolari ad un’anestesia totale (e in questo caso è consigliabile il ricovero per una notte e la dimissione il giorno successivo). In ogni caso l’intervento di liposuzione deve essere eseguito presso una struttura seria ed affidabile e in sala operatoria, nel più completo rispetto della sterilità e della sicurezza per il paziente. Nell’intervento di liposuzione il chirurgo pratica una piccolissima incisione di 2 mm. attraverso la quale introduce una sottile cannula iniettando allo stesso tempo della soluzione fisiologica fredda in quale si introduce la soluzione di Klein. Il rimodellamento mediante l’aspirazione del grasso avviene introducendo attraverso questa piccola incisione delle cannule collegante ad una siringa in cui vi è il vuoto oppure ad un aspiratore specifico.
Una particolare tecnica è la liposuzione o liposcultura ultrasonica UAL in cui si sfrutta la potenza degli ultrasuoni per eliminare il grasso in eccesso, ed è per questo che tale metodica è stata chiamata liposcultura ultrasonica.
Al termine dell’intervento, dopo aver aspirato il grasso in eccesso dalle zone stabilite nella visita pre operatoria, le piccole incisioni vengono suturate e si verifica l’uniformità del rimodellamento. Terminato l’intervento il paziente deve indossare una guaina contenitiva che è molto importante in quanto ha la funzione di modellare il nuovo profilo e soprattutto fare aderire tra di loro i tessuti scollati durante l’intervento, e prevenire così la formazione di ematomi o sieromi.

L’intervento con la tecnica della liposcultura o lipofilling consiste nel prelevare del grasso autologo, ovvero dalla paziente stessa, ed iniettarlo come riempitivo in altre zone del corpo.
Ad esempio durante un intervento di liposuzione il grasso in eccesso che è stato aspirato può essere riutilizzato, dopo un opportuno trattamento, per riempire degli affossamenti, o avvallamenti, per aumentare il volume degli zigomi, per aumentare il volume delle labbra, e più in generale come riempitivo per tutte le zone del corpo in il chirurgo estetico ritiene di poter intervenire.
Solitamente il grasso per il lipofilling viene aspirato con delle sottili cannule (o meglio delle speciali siringhe) e poi dopo un’eventuale centrifugazione viene iniettato sempre mediante delle speciali siringhe nelle zone da riempire o da aumentare di volume.

Da ricordare che trattandosi di grasso autologo, della paziente stessa, una certa percentuale tende sempre a riassorbirsi entro alcuni mesi dall’infiltrazione (riassorbimento spontaneo).
Nelle zone in cui il grasso è stato iniettato il gonfiore durerà per 3-4 giorni circa.
Il lipofilling spesso praticato dai chirurghi estetici e dai chirurghi plastici come riempitivo sia in chirurgia ricostruttiva sia in chirurgia estetica.

 

Condividi |

 

Chirurghi in Evidenza

dott.ssa
Marchionni Sarah

 

Qualifica:
Medico Chirurgo Specialista
Specialita':
Chirurgia Plastica e Ricostruttiva
Luogo di Lavoro:
Milano, Legnano, Parabiago, Gallarate, Piantedo

dott.
Dell'Avanzato Roberto

 

Qualifica:
Dottore
Specialita':
Chirurgia Plastica
Luogo di Lavoro:
Roma, Grosseto, Arezzo, Milano

La Mappa dei Chirurghi

Costo Interventi

Finanziamenti

© 2011 www.chirurgiestetiche.it - all rights reserved | Web Marketing | affiliazioni