Cavitazione Estetica

Network

Seguici anche su:

 

seguici su twitter seguici su Facebook seguici su BlogSpot seguici su Youtube Feed Rss

Focus

 

Giugno 2017

E' online la nuova versione del portale  Chirurgiestetiche.it piena di novità contenuti iniziative e collegamenti con il web 2.0. Seguiteci sempre in tante qui ed anche sulla Pagina  Facebook!

foto foto foto

Cavitazione Estetica

La cavitazione estetica è una tecnica sempre più usata in medicina estetica che prevede l’utilizzazione di ultrasuoni a bassa frequenza non udibili, le zone trattate sono sollecitate da una piccolo rullo con una metodica indolore. Il fenomeno della cavitazione non è altro che la formazione di cavità gassose all’ interno di un liquido, nel caso dei trattamenti del pannicolo lipodistrofico gli adipociti collassano ed implodono grazie agli ultrasuoni. L’onda d’urto che produce l’implosione, quindi la formazione di bolle all ‘interno del liquido interstiziale, è selettiva per questo tessuto danneggiando esclusivamente le cellule adipose, infatti se gli impulsi vengono diretti su altri tessuti (muscolare, tendineo etc.) questi non vengono danneggiati grazie alla bassa frequenza utilizzata.

Le cellule adipose colpite dalla cavitazione vengono poi espulse dal corpo tramite il sistema linfatico che li porta a reni e fegato. Tutte le aree anatomiche possono essere trattate per ottenere una riduzione del grasso, la cavitazione è particolarmente indicata per le braccia, le gambe, l’addome, le cosce, il collo, i glutei anche perché è in grado di combattere la formazione dei famosi fibronoduli della cellulite responsabili della pelle a buccia di arancio.

L’intervento non è solo appannaggio del solo sesso femminile perché anche gli uomini possono ricorrere alla cavitazione.
La differenza con la liposuzione o liposcultura è abbastanza evidente. Con la cavitazione non parliamo di intervento chirurgico e non ci sarà bisogno di anestesia. La liposuzione è un intervento chirurgico che prevede l’inserimento di una soluzione che aiuta a liquefare il grasso che viene aspirato. Tale intervento deve essere effettuato in sala operatoria previo precedente esame clinico ed accertamenti diagnostici e prevede un periodo di convalescenza per ridurre le ecchimosi e l’edema, invece la cavitazione è un trattamento di medicina estetica non invasivo con assenza di postumi derivati dal trattamento. Le complicazioni sono al limite legate ad un minimo arrossamento che può verificarsi al termine della seduta, che comunque deve essere effettuata in maniera adeguata da mani esperte altrimenti i risultati potranno deludere.

Quasi tutti gli studi medici parlano di dieci sedute per ottenere risultati considerevoli, ma molti riferiscono che anche dopo il primo intervento si possono notare dei miglioramenti con 1,5-2 cm di riduzione del grasso. Sta a voi la scelta, soprattutto dipende dalla gravità del vostro problema, se si tratta di togliere diversi centimetri o invece poche decine di millimetri, potete magari iniziare con qualche seduta e poi decidere. Alla cavitazione si accompagna spesso, alla fine del trattamento, un massaggio di linfodrenaggio che servirà ad eliminare le scorie accumulate.

Condividi |

 

Chirurghi in Evidenza

Prof.
Ponti Gilberto

 

Qualifica:
Chirurgo
Specialita':
Plastico ed Estetico
Luogo di Lavoro:
Roma

dott.
Piovano Luca

 

Qualifica:
Chirurgo
Specialita':
Chirurgia Plastica
Luogo di Lavoro:
Roma

La Mappa dei Chirurghi

Costo Interventi

Finanziamenti

© 2011 www.chirurgiestetiche.it - all rights reserved | Web Marketing | affiliazioni